LA PUBBLICITÀ TRANSAZIONALE - THE EUROPEAN ADVERTISING STANDARDS ALLIANCE

L'European Advertising Standards Alliance (EASA) è l'organizzazione che è stata costituita nel febbraio del 1991 e raggruppa tutti i rappresentanti dei diversi istituti di autodisciplina presenti in Europa . Ma qual è il compito che tale istituto tende perseguire ?
Obiettivo dell'Alleanza è quello di realizzare un effettivo e produttivo coordinamento delle organizzazioni europee che adottano sistemi e codici di autodisciplina, l'uguaglianza di trattamento per tutti i casi di denuncia e un unico spirito nei criteri di controllo del sistema di autodisciplina. L'intento finale è quello di offrire agli imprenditori e ai consumatori dei diversi paesi una concreta possibilità di difesa dai messaggi promozionali che arrivano a destinazione attraverso media che hanno base all'estero.
A partire dal settembre 1992, l'EASA ha dati inizio al cosidetto "Cross- border Complaints System" diretto alla composizione del contenzioso in materia di pubblicità diffusa attraverso i "mezzi" provenienti da altri Paesi. Basato sul principio del mutuo riconoscimento tra sistemi autodisciplinari e, in via generale, sulla giurisdizione del paese d'origine del "mezzo", il nuovo sistema è finalizzato ad assicurare che al consumatore di un altro paese vengano riconosciuti gli stessi diritti del consumatore del paese da cui il mezzo viene diffuso.
Ad integrare il "Cross - border Complaints System" vi è un'altra procedura messa a punto dall' Alleanza Europea per l'Etica in Pubblicità, che consente di mettere in guardia immediatamente e simultaneamente tutti gli organismi autodisciplinari in Europa - e, tramite questi, gli operatori pubblicitari e i consumatori- per quanto riguarda particolari pubblicità soggette a controversie.
È questa la Procedura d'Allerta che ha come obiettivo quello di fare in modo che i membri dell'Alleanza diffondano la notizia onde ottenere ogni informazione possibile in merito all'attività degli inserzionisti segnalati.
Torna prima pagina