"Incombe al cliente, il quale assume di aver subito un danno, l'onere di provare l'inadeguata o difettosa prestazione professionale, l'esistenza del danno e il nesso di causalitÓ tra la prestazione inadeguata e il danno, mentre incombe sul professionista l'onere di provare l'impossibilitÓ , a lui non imputabile, della perfetta esecuzione della prestazione"
Cass. 18/6/1975 Foro it. 1976, I,750.
TORNA PRIMA PAGINA