I TRATTAMENTI MEDICI DI FACILE ESECUZIONE
Sappiamo che sia che si tratti di responsabilitÓ contrattuale, avendo noi qualificato l'obbligazione del medico come obbligazione di mezzi, sia che si tratti di responsabilitÓ extracontrattuale, spetta al paziente provare la colpa del medico.
Tuttavia, di recente, si Ŕ affermato che per condannare il medico basta anche una prova indiziaria. Interessante la sentenza della Cassazione del 21/12/1978: la suprema corte attribuisce, nel caso di prestazioni di facile esecuzione, valore decisivo al procedimento per presunzioni; con questo criterio la Cassazione ha dettato una massima che non solo costituisce un criterio per facilitare la prova dell'attore, ma tende a modificare la fattispecie sostanziale della responsabilitÓ e quindi la natura della obbligazione del medico. Affermare che non Ŕ necessaria la prova rigorosa della colpa, quando si tratta di prestazioni che non richiedono una particolare abilitÓ e quando il rischi di esito negativo Ŕ minimo, significa praticamente riconoscere che il medico in tali casi garantisce il risultato in vista del quale il paziente si Ŕ affidato alle sue cure. Non a caso Ŕ stato affermato che man mano che il progresso tecnico rende pi¨ sicuri alcuni trattamenti, l'obbligazione del medico si trasforma da obbligazione di mezzi in obbligazione di risultato.
TORNA PRIMA PAGINA