Quanto alla natura giuridica di tali principi la Cassazione, con una nota decisione ebbe a stabilire che:
" Ai rapporti, aventi per oggetto una prestazione d'opera intellettuale, si applicano, ai sensi dell'articolo 2230 del codice civile, le norme del codice e quelle delle leggi speciali ed inoltre i precetti della deontologia professionale, la cui elaborazione, enunciazione ed applicazione sono rimesse alle singole categorie professionali (quale tipica espressione del loro autogoverno), che vi provvedono attraverso i loro organi locali e centrali (Consigli degli Ordini e dei Collegi e Consigli nazionali professionali) con autonoma valutazione, senza possibilitą di sindacato di legittimitą trattandosi di precetti extragiuridici non di attivitą normativa" (Cass. 9/4/1965 Dir. e Prat. Ass. 1988, p.203).
TORNA PRIMA PAGINA