Il procedimento

Il procedimento di interdizione, nel sistema previsto dal codice del 1865, era tipicamente contenzioso, il legislatore del 1942 ha voluto modificare la struttura su basi volontarie.
Ma, le modifiche apportate alla disciplina non hanno cancellato l'impressione di una procedura strutturalmente orientata all'attuazione del diritto obiettivo nei confronti e contro l'incapace.
Inoltre è stato lamentato da più parti e recentemente documentato l'eccesso di sbrigatività e di empirismo con cui si svolge talvolta l'accertamento circa il requisito di "abitualità" nello stato di infermità psichica (art. 414 cod. civ.). Senza cioè contatti sufficientemente ricchi ed approfonditi fra il giudice e il soggetto da interdire e quasi mai sulla base del previo svolgimento di perizie psichiatriche vere e proprie.



Torna indietro