FREQUENT ASKED QUESTIONS
Informatica

Argomenti:

Per i termini informatici vedi il glossario.

CASELLA DI POSTA ELETTRONICA
    Q. Come si legge un indirizzo di posta elettronica?
R. La sintassi usuale è:
  • username@host.subdomain.domain
per gli studenti della Facoltà di Giurisprudenza in particolare:
  • username@student.jus.unitn.it
si legge: username at host.subdomain.domain
non sono ammessi spazi vuoti, i separatori sono dei punti ".", la chiocciola (@) separa il nome utente dal nome del server.

Le parti fondamentali sono:

  • username (userID, login, ) che è l'identificativo dell'utente
  • il nome del server completamente caratterizzato dal dominio, sottodominio ecc., è la parte che segue il simbolo "@".
Quando viene assegnato un indirizzo di posta elettronica o e-mail, ci viene comunicato:
 
Elemento Esempio Nota
nome utente 3147gi il numero di matricola
password ****** parola composta da un minimo di sei caratteri alfanumerici, sensibile al maiuscolo/minuscolo
POP3 host student.jus.unitn.it identifica univocamente il server che da' il servizio (Post Office Protocol v. 3)
SMTP host student.jus.unitn.it identifica il server che inoltra i messaggi spediti (Simple Mail Transfer Protocol) 
Servizio non necessariamente erogato dallo stesso server che funge da POP3.
N.B.: l'username, cioè l'identificativo dell'utente, è fisso, non è modificabile direttamente dall'utente; non è quindi possibile ripristinare la vecchia modalità che utilizzava la prima lettera del nome e un'abbreviazione del cognome.

    Q. Con quali strumenti consultare la casella postale personale?
R.
  • E' consigliato l'utilizzo di un programma client quale Eudora o Pegasus in ambiente Windows. Questi programmi vanno inizialmente configurati con il nome utente, POP3 host e SMTP host.
  • In alternativa è possibile usare il programma pine in connessione telnet con l'host.

    Q. Come si predispone un floppy A: per la consultazione della casella postale con EUDORA?
R.
1) Fare doppio click sull'icona Risorse del Computer in alto a Sinistra sullo schermo;
    2) Posizionarsi sul drive A: facendo un click singolo sull'icona del drive (il primo in dall'alto);

    3) Se il disco non e' formattato (preparato per la scrittura), il sistema se ne accorgera' e chiedera' di poter procedere alla formattazione. Cliccare sul tasto SI'.

    4) Creare una directory* sul drive A: nominandola ed-mail
     

    * Per Creare una directory:
    Dal menu file del programma risorse del computer scegliere la voce crea directory e inserire il nome.


    Q. Perché utilizzare una password?
 R. La consultazione della casella postale è strettamente personale quindi si adotta una sequenza di lettere e cifre nota al solo proprietario. Una gestione che assicuri una maggiore sicurezza e riservatezza richiede il cambio periodico della password per prevenire tentativi di intrusione. 
    Q. Come cambiare (personalizzare) la password per l'accesso alla casella postale?
R. Ci possiamo connettere in modalità telnet con il server che eroga il servizio di casella postale.
    telnet student.jus.unitn.it
alla richiesta di login: digiteremo il nostro nomeutente
alla richiesta di password: digiteremo la nostra password
Se la connessione ha successo ci ritroveremo al prompt del server in quanto riconosciuti come utenti.
A questo punto è possibile dare il comando passwd (digitare passwd seguito da un Invio): viene dapprima richiesta la conferma della vecchia password (digitare la vecchia password seguita da un Invio), quindi la nuova password, a mo' di conferma ci verrà richiesta anche una seconda volta. Se l'operazione ha avuto successo avremmo ottenuto il cambio voluto.
La password è la stessa per la consultazione della casella postale personale e la connessione remota telnet.


    Q. Come "lanciare" in automatico un programma quando ci colleghiamo al server in modalità telnet ?
R. Ci possiamo connettere in modalità telnet con il server che eroga il servizio di casella postale.
    telnet student.jus.unitn.it
alla richiesta di login: digiteremo il nostro nomeutente
alla richiesta di password: digiteremo la nostra password
Se la connessione ha successo ci ritroveremo al prompt del server in quanto riconosciuti come utenti.
A questo punto è possibile editare il file .cshrc (ad esempio utilizando l'editor di sistema vi) e inserire come ultima riga il comando voluto.
Ad esempio se noi vogliamo che dopo il collegamento venga aperto il programma pine basta inserire alla fine del file .cshrc la stringa pine.


    Q. Come configurare Eudora 3.0 sotto Windows 95 in modo che possa leggere eudora.ini da a:\ed-mail (in pratica con le configurazioni personali su dischetto)?
R. Supposto di avere Eudora installato in C:\Programmi\Eudora\Eudora.exe
dovrai andare alle proprietà dell'icona (collegamento) che ti lancia il programma e con il tasto destro del mouse scegliere la voce Proprietà, apparira' una finestra in cui, con click, selezionerai l'opzione Collegamento e al campo Destinazione introdurrai o completerai la stringa come segue:

C:\Programmi\Eudora\Eudora.exe a:\ed-mail

Come vedi si tratta di specificare come argomento il drive e la sola directory in cui si trova il file di inizializzazione.


    Q. Il vecchio indirizzo GELSO scade immediatamente all'attivazione del nuovo indirizzo JUS oppure termina alla scadenza naturale? E' obbligatorio cambiare l'indirizzo e passare da GELSO a JUS?
R.  L'attivazione dell'indirizzo GELSO presso la Facoltà di Economia è stata possibile fino all'ottobre di quest'anno; coloro che ne fossero in possesso lo vedranno scadere alla data naturale; è comunque possibile, per questi utenti, richiedere anche l'indirizzo JUS e avere così, contemporaneamente, i 2 indirizzi.


WORLD WIDE WEB (rete mondiale)
    Q. Come posso pubblicare in INTERNET le mie pagine ipertestuali (WWW)?
R. Se siete titolari di una casella postale sul nostro server (student.jus.unitn.it) avete la possibilità di rendere visibili le vostre pagine ipertestuali a tutti gli altri utenti della rete INTERNET. Vediamo i passi che portano a questo risultato.
  1. Collegatevi via telnet al server student.jus.unitn.it e rispondete con il vostro nomeutente alla richiesta di login e poi con la vostra password.
  2. Con il comando ls -la vedrete il contenuto della vostra cartella, troverete una directory public_html in questa dovete mettere i vostri file HTML. Alcuni elementi da tenere presenti: il server student.jus.unitn.it considera home.html come nome di file di default, è consigliato tale nome come punto di partenza delle vostre pagine.
  3. L'URL (Uniform Remote Locator) che dovrete scrivere nella location del vostro browser sarà:
    1. http://student.jus.unitn.it/~nomeutente

    2. vedrete visualizzato il contenuto del file home.html (appunto il file di default)
      Per visualizzare il generico file invece:
    3. http://student.jus.unitn.it/~nomeutente/nomefile.html
  4. Il trasferimento delle pagine ipertestuali può avvenire via ftp dal vostro pc collegato via rete al server remoto.
  5. Raccogliere tutte le informazioni necessarie per usare telnet, ftp (per esempio di QVTNET), i comandi UNIX fondamentali.
Nel caso non troviate già predisposta la directory public_html, sarà necessario procedere alla sua creazione secondo quanto descritto nei passi seguenti.
  • All'interno della vostra directory dovete creare una nuova directory con il nome public_html
  • Dovete dare la permission di lettura ed eseguibilità a tutti alla vostra home directory ed alla vostra public_html directory in modo che anche il motore di ricerca possa indicizzare la vostra home page.
  • All'interno della directory public_html dovete inserire i vostri files .html; perchè la prima pagina venga caricata automaticamente questa dovrà chiamarsi home.html.
  • Dovete dare la permission di lettura a tutti i vostri files .html ed alle immagini .gif e .jpg
  • L'indirizzo della vostra home page sarà http://student.jus.unitn.it/~user

  • dove "user" è la vostra login per entrare su student.
  • E' possibile eseguire degli script (contatori, forms, ecc.) creando, all'interno della public_html, una directory cgi-bin, nella quale dovete inserire i vostri files .cgi e .pl
Riepilogo dei comandi unix:
  • entrare in telnet inserendo il proprio login e password
  • mkdir public_html
  • chmod 755 .
  • chmod 755 public_html
  • cd public_html

  • chmod 644 *.html *.gif *.jpg
Per impadronirsi con gli elementi descritti è consigliata la frequenza dei corsi di INFORMATICA DI BASE.

    Q. Perchè avete adottato una modalità di consultazione del sito a frames?
R. Principalmente per facilitare la navigazione del visitatore all'interno del sito, ovvero non rendere necessario l'utilizzo dei pulsanti forniti dal browser. In secondo luogo evitare per quanto possibile il disorientamento. 
    Q. Nella modalità a frames (a riquadri) non appare l'indirizzo della pagina visualizzata?
R. L'indirizzo visualizzato nella location rimane quello della entrata nella modalità a frames, le pagine successive vengono visualizzate all'interno dei riquadri definiti e quindi non necessitano di un refresh dell'intero schermo.
Le più recenti versioni dei browser consentono di uscire dalla modalità a frames: cliccare nel riquadro di interesse e con il pulsante destro premuto sceglite l'opzione open frame in a new window, ne conseguirà la visualizzazione di quel riquadro a "finestra piena". Nel campo location potrete ora leggere l'indirizzo assoluto della pagina visualizzata.