Università degli Studi di Trento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO
NOTIZIARIO
del presidio ITM di Giurisprudenza

Vol.1, no.3 - 10 giugno 1997

Università degli Studi di Trento


NOTIZIARIO DEL PRESIDIO PER I SERVIZI INFORMATICI, TELEMATICI E MULTIMEDIALI
DELLA SEDE DELLA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

Gli argomenti di questo numero:
  • le novità organizzative del Presidio;
  • InfoTrac, un esempio di consultazione di banca dati via WWW (FREEDEMO);
  • elementi di HTML per iniziare ad editare le proprie pagine web;
  • risultato della prova sulla banca dati BIG ON LINE del Sole 24ORE, accessibile dal sistema IONIO del Cineca;
  • i risultati di una indagine preliminare sui VDT, come introduzione alla indagine che si sta conducendo in queste settimane;
  • l'attività e le segnalazioni dei nostri utenti.

JUS la scelta

Presidio ITM di Giurisprudenza


NUOVO PRESIDENTE COMITATO PRESIDIO

di GIUSEPPE CHIASERA

Il prof. Giovanni Pascuzzi ha rassegnato le dimissioni da presidente del Comitato del presidio ITM. Le motivazioni risalgono ai nuovi impegni istituzionali a cui è stato chiamato dal Rettore. Riportiamo la e_mail di commiato che ha indirizzato ai membri della Commissione di Ateneo dell’area informatica.

Cari amici,

dal 21 maggio il Presidio di Giurisprudenza ha un nuovo Presidente. E, quindi, un nuovo rappresentante in seno alla Commissione SITM.
A seguito delle mie dimissioni (inevitabili, a seguito della nomina a membro del nucleo di valutazione di Ateneo, per scongiurare la commistione tra ruoli di decisione attiva e ruoli di controllo), il Presidio di Giurisprudenza ha eletto Presidente all'unanimità il Dott. Alberto Pizzoferrato.
Egli, pertanto, da questo momento, rappresenta il Presidio nelle diverse sedi istituzionali.
Mi accomiato da voi.
Per me è stata una esperienza preziosa. Ho molto imparato e non solo sul piano professionale. E per questo vi ringrazio tutti. Per parte mia ho sempre cercato di fare ciò che ritenevo più giusto nell'interesse dell'Ateneo e del mio Presidio.


OPPORTUNITÀ ATTIVATE DAL PRESIDIO

di ALBERTO PIZZOFERRATO

ionio

Nella nuova veste di Presidente vorrei schematicamente segnalare alcune importanti iniziative realizzate o in corso di realizzazione da parte del Presidio.

Nella convinzione che gli strumenti telematici costituiscano un valido ausilio per lo studente ed il ricercatore (e qui mi si consenta il rinvio alle belle pagine conclusive della monografia del Prof. Pascuzzi) ma che non debbano sostituire il rapporto interpersonale fra docenti e fra docenti e studenti e nel contempo inibire la partecipazione attiva alla vita collettiva universitaria, riteniamo di doverci attivare per sviluppare le nuove opportunità di conoscenza e di reperimento delle fonti che il mezzo informatico mette a disposizione.


diritto

INFOTRAC: BANCA DATI CON INTERFACCIA WWW

di GIUSEPPE CHIASERA

blocks

Come esempio della nuova modalità di interrogazione di una banca dati giuridica, da interfaccia WWW, riportiamo il link del sito della Information Access Company (IAC): http://library.iacnet.com/
Questa ditta distribuisce il proprio data base INFOTRAC su CD-ROM con aggiornamento trimestrale. Tale CD comprende i riferimenti, l’abstract e talora il testo completo degli articoli trattati da più di 800 riviste legali statunitensi.
Da qualche mese la stessa ditta promuove, sul proprio sito Web, un FREEDEMO per la consultazione del proprio database con una interfaccia tipica del world wide web.
Orbene per arrivare a questa ricerca gratuita è necessario prima lasciare una propria registrazione; questa modalità è di normale uso per i servizi messi a disposizione a vario titolo in internet. La prima pagina dà la possibilità di inserire la stringa di ricerca (modalità EasyTrac) per soggetto o per parola chiave. Avverte sul numero di articoli che sono censiti, riportando la data dell’ultimo aggiornamento. Dà in più altre possibilità di scelta rapida: tornare alla lista dei database, nuovo database, nuova ricerca, lista d’ordine ecc., oppure di passare alla modalità PowerTrac. Il comando Submit dà luogo all’inizio della ricerca.
La risposta, usualmente rapida, mostra una pagina che dà conto del risultato della ricerca in relazione al termine cercato e propone i primi venti riferimenti trovati, partendo dai più recenti. Fra le opzioni ora selezionabili c’è anche la possibilità di limitare la ricerca, se necessario, per arrivare ad un risultato più mirato. Si può per esempio limitare il periodo temporale di interesse, o limitare i risultati della ricerca ai riferimenti presenti in ‘full text’.
Giunti ad un risultato soddisfacente si pone il problema di reperire il riferimento ed eventualmente il testo. A lato di ogni riferimento vi sono delle icone che ne permettono la visualizzazione o la selezione.
Il primo modo di reperire il documento è la sua visualizzazione nel browser ed un suo salvataggio come file html o una stampa.
Una seconda modalità è quella di visualizzare il testo in formato Acrobat Reader (è necessario avere sul proprio Pc questo tipo di visualizzatore); questa consente la visualizzazione di un testo con le stesse caratteristiche tipografiche che aveva nella pubblicazione originale.
Una terza possibilità è quella di farsi spedire via e-mail il testo desiderato. Verrà quindi richiesto il proprio indirizzo di posta elettronica ed in pochi minuti o secondi avrete recapitato il testo in formato ‘text/plain’.

Tutto questo non richiede la conoscenza di nessun linguaggio particolare di interrogazione della banca dati. L’interfaccia WWW fa sì che la interrogazione sia facile ed intuitiva.

Gli esperti di interrogazione di banche dati ritengono che le modalità illustrate siano ridondanti e dal loro punto di vista hanno ragione.
Si può però obiettare che lo scopo è quello di avvicinare un numero sempre maggiore di utenti, che utilizzano questi strumenti quale ausilio o supporto alla propria attività. L’integrazione di altri servizi, quale la facilità di reperimento del testo, ne comprova l’efficacia e la potenza. Nella interrogazione alle banche dati si sta verificando quanto è avvenuto qualche anno fa per i sistemi operativi dei Pc: il passaggio da MS-DOS (modalità a linea di comando) al sistema Windows (modalità grafica a finestre).

Altri esempi sono presenti in altri settori e potremmo illustrarli altrettanto efficacemente.

In sostanza i settori scientifici, giuridici e non, sono i primi a perseguire l’accesso in tempo reale dei nuovi elementi di letteratura che vengono resi disponibili. Si riconoscono quindi, per ogni settore, delle banche dati LEADER, così come le riviste nel campo della documentazione tradizionale, che costituiscono di fatto lo specchio dello stato dell’avanzamento scientifico del settore.

I vantaggi di questo nuovo approccio sono ben evidenti e così riassumibili:
a) disponibilità di un archivio aggiornato quasi in tempo reale;
b) interfaccia di uso intuitivo e autoconsistente (user friendly);
c) compilazione delle interrogazioni ed esame delle risposte, in modalità OFF LINE; l’interazione avviene solamente nel momento dello scambio dei dati (interrogazioni e risultati);
d) utilizzo degli strumenti correlati ad internet quali la posta elettronica (E-mail), i motori di ricerca, ecc.;
e) disponibilità dei risultati in diversi formati trattabili da browser o da word processor.


COSTRUIAMO LA NOSTRA HOME PAGE III°

di GIUSEPPE CHIASERA

teacher

Dalle enunciazioni di principio passiamo alla realizzazione di una home page tipo.
L’HTML (HyperText Markup Language) è il linguaggio con cui sono realizzate le pagine WWW. Il file è un testo ASCII, vale a dire un testo senza formattazioni. Può essere editato con gli applicativi write o notepad (blocco note) di Windows, oppure con Word con l’avvertenza di salvare nella modalità solo testo.
Le istruzioni o tag sono quelle comprese fra i simboli “<“ e “>”. Di solito un istruzione <action>, con cui si attiva una certa azione, ha come chiusura l’istruzione </action>, delimitando in tal modo il testo a cui va applicata.
Ecco quindi che in una tipica pagina elementare WWW si individuerà la seguente struttura:

<!home page base>
<html>
<head><title> ... </title> </head>
<body>
<h1> ... </h1>
...
</body></html>

Come noterete le istruzioni del linguaggio HTML sono parole o iniziali di parole della lingua inglese.

Proviamo a riempire questo scheletro di pagina con alcuni dati personali:

<html>
<head>
<title> Giuseppe’s home page </title>
</head>
<body>
<h1> Giuseppe Chiasera </h1>
Activity ...
</body></html>
Se salvate queste righe in un file
e poi lo visualizzate con il vostro browser
otterrete il seguente effetto.

======>>>

Si potranno naturalmente integrare le informazioni della pagina riportando un testo articolato. Sorgerà allora la necessità di avere un maggior numero di comandi:

La lista completa è molto lunga, consentendo di ottenere la resa grafica voluta.
(Il sito ufficiale in internet è: http://www.w3.org/pub/WWW/MarkUp/).

Si è fin ora parlato solo di testo, nelle pagine web possono comparire link e immagini.
Per stabilire un link si ricorre al cosiddetto tag anchor che ha la seguente sintassi: <A HREF="SiteoFilename">...</A>
oltre al tag A, compare href=”” che costituisce un argomento del tag anchor. Fra doppi apici va posto l’indirizzo completo per es. http://giurisvr.gelso.unitn.it/ oppure il nome del file che verrà visualizzato. Al posto dei puntini (...) bisogna digitare la parola, frase, immagine, ecc. che costituirà la sorgente ovvero la porzione di pagina cliccabile.
</A> è il tag di chiusura.
Allo stesso modo per inserire una immagine si userà : <IMG SRC="image.gif">.

Come esempio proviamo a combinare le due ultime istruzioni:

<A HREF="http://giurisrv.gelso.unitn.it/"><IMG SRC="image.gif"></A>

l’immagine image.gif, che comparirà nella nostra pagina, sarà cliccabile e rimanderà al nostro sito.
Abbiamo quindi introdotto il primo elemento ipertestuale nella nostra pagina.
Un utile esercizio di lettura prima e di capacità di editing poi si consegue tramite la visualizzazione del document source ottenibile dal proprio browser dal menu view. Come proposta di lavoro, vi suggeriamo di scaricare i file compresi nella directory Dummy dal nostro ftp server (ftp://giurisrv.gelso.unitn.it/download/net/www/Dummy/): home.html; left.html; username.html; attivita.html; incarichi.html e pubblicazioni.html.
Mettete questi file in una directory sul vostro hard disk e provate a ‘lanciare’ home.html: noterete una struttura ‘tipo’ per una home page.
Può essere un utile esercizio capire come sono utilizzati i vari file per ottenere le funzionalità viste. A titolo esemplificativo riportiamo il testo del file:

<!home.html>
<HTML>
<HEAD><TITLE>username's home page</TITLE></HEAD>

<FRAMESET cols="20%,*"> <FRAME SRC="left.html" NAME="left">
<FRAMESET rowS="100%,*"> <FRAME SRC="username.html" NAME="right">
</FRAMESET></FRAMESET>

<body></body></html>

Il contenuto definisce la struttura a frames della nostra home page: la finestra del browser viene suddivisa verticalmente in due parti, quella di sinistra pari al 20% delle colonne chiamata left e quella di destra il rimanente. Nella finestra di sinistra viene visualizzato il file left.html mentre in quella di destra il file username.html.
L’analisi degli altri file, di forma standard, viene lasciata al lettore.


BANCHE DATI DISPONIBILI IN RETE

di ALBERTO PIZZOFERRATO

ionio

Nel precedente numero del Notiziario abbiamo descritto brevemente le modalità di installazione e di funzionamento della banca dati GURITEL.
Attraverso una procedura simile possiamo consultare anche la banca dati BIG ON LINE del Sole 24ORE, contenente tutti gli articoli apparsi sull’omonima testata giornalistica (dal 1984) nonché sulle riviste Mondo Economico (dal 1985), L’Impresa (dal 1985), L’Impresa Ambiente (dal 1990).

BIG ON LINE

La fase di installazione è identica a quella delineata per GURITEL, salvo il fatto che l’applicazione da copiare sul proprio disco dalla rete interna (G: per intenderci) si chiama ewan e si trova, sempre compressa, sotto Network - Winsock. Anche in questo caso andrà configurato Netscape con gli estremi del path per lanciare questa applicazione telnet (sotto Apps - General Preferences).
A differenza di Guritel, tuttavia, BIG ON LINE si presenta particolarmente ostica nell’interrogazione tanto da essere sconsigliata a chi non intenda dedicarci almeno una giornata di studio. Il linguaggio utilizzato, STAIRS, richiede una certa dimestichezza con gli strumenti di programmazione e diventa praticamente inservibile se non se ne conoscono a fondo i meccanismi operativi.
Non ci sembra pertanto opportuno illustrare in questa sede le diverse modalità di formulazione delle richieste rinviando al manuale d’uso, a disposizione degli interessati presso l’ing. Chiasera. Basti segnalare che la ricerca può essere impostata sia per parole chiavi contenute nel corpo del testo o nell’intestazione, sia per data di pubblicazione, sia per campi di classificazione denominati enti, persone, area (geografica). Questi canali sono tuttavia difficili da incrociare e combinare per selezionare i dati utili. I vari filtri disponibili risultano difficilmente accessibili nella ricerca sequenziale così come complicato diventa il confronto fra ricerche condotte non in successione (quando ad es. si vogliano intersecare i risultati della prima e della, poniamo, decima ricerca effettuata, con conseguente fastidioso aggravio dei tempi di interrogazione e di risposta).
In sostanza allo stadio attuale la banca dati appare utile solo per effettuare ricerche elementari e decisamente caratterizzate nei termini identificativi oppure per ritrovare un determinato numero del quotidiano ovvero gli articoli di un certo autore.
Sono comunque previsti a breve termine importanti miglioramenti dell’interfaccia utente, addirittura la casa editrice sostiene di poter offrire per l’autunno di quest’anno un prodotto attingibile direttamente attraverso apposito sito in Internet e quindi con un’interfaccia a finestre sicuramente più friendly.
Il consiglio, per il momento, è quindi di aspettare.


GIURISPRUDENZA IN INTERNET III°
http://giurisrv.gelso.unitn.it/presidio/sondaggio.html
di GIUSEPPE CHIASERA

Riportiamo il risultato finale del sondaggio condotto sul nostro sito web:

law o lex o jus

Il numero dei partecipanti è stato di 28 unità, pari al 30% degli interpellati, ed i pareri raccolti sono ben rappresentati dalla pie-chart.

?

È seguito un ballottaggio:

law o jus

condotto in Consiglio di Dipartimento di Scienze Giuridiche, il 23 aprile 1997: totale votanti 25 unità.
Il risultato è quanto mai significativo: JUS voti 13, LAW voti 12.

?

Riportiamo infine i contributi, pervenuti via posta elettronica, di due studenti della nostra facoltà.

PRO LAW. Partecipo da casa al sondaggio: mi piacerebbe jus ma devo convenire che forse la scelta migliore sia law, per praticità.

PRO JUS. Voto jus perché quello che si studia a giurisprudenza in Italia non corrisponde né al termine lex né law, giurisprudenza non è legge, ma scienza giuridica.

talk each other
FINE

LA SCELTA

Il Comitato del presidio di Giurisprudenza, nella sua ultima seduta del 21 maggio scorso, ha preso in esame le istanze emerse in questi ultimi mesi.
È giunto alla risoluzione di adottare jus come identificativo internet di sede ed ha dato mandato al responsabile tecnico di procedere con tutti gli adempimenti.

La motivazione risale all’attesa degli utenti per una riconoscibilità della radice latina degli studi giuridici che si effettuano nelle facoltà di Giurisprudenza italiane.


INDAGINE PRELIMINARE VDT

di GIUSEPPE CHIASERA

thank

Sollecitati dall’ing. Giorgio Fontana, membro della commissione di ateneo in tema di sicurezza sul luogo di lavoro, ed in particolare per quanto riguarda la tematica dei video terminali (VDT), abbiamo condotto nel febbraio scorso una indagine preliminare di cui vogliamo qui rendere conto.
Il motivo è determinato dalle prescrizioni in materia di “sicurezza nell’ambiente di lavoro” previste dalla legge 626/94. Questa prevede, in particolare per quanto riguarda i videoterminali, le condizioni ottimali di fruibilità del mezzo per quanto riguarda la macchina, la postazione di lavoro ed il tipo (durata) dell’attività.
Si rimanda a questo scopo al sito: http://archive.science.unitn.it/cisca/norme.html.
Sono ivi riportate le prescrizioni ed i suggerimenti in materia.

Da questa esigenza ha preso le mosse l’indagine preliminare VDT per Giurisprudenza: sono state controllate 97 STAZIONI e per ogni videoterminale sono state prese in esame le sei voci riportate in tabella (video, tastiera, scrivania, ...), attribuendo - in logica positiva - a tali voci valore 0 (negativo=non a norma) o 1 (positivo=a norma) secondo la seguente regola:


ATTIVITÀ

di GIUSEPPE CHIASERA

spazio

L’attività continua e quindi siamo qui a rendere conto degli ultimi svilupppi.

Iscrizione esami via INTERNET.
È in funzione, dalla sessione estiva, la modalità di iscrizione agli appelli d’esame via INTERNET, di cui riferiamo in altra parte del notiziario.

Disattivazione codice.
Il Ced della Corte Suprema di Cassazione comunica che, in base agli ultimi accordi tra IDG (Istituto per la Documentazione Giuridica del CNR) e Ced, il codice x... ha cessato la sua validità.
Rimane attivo il codice r... anche per l’accesso diretto via internet (telnet) o via easyfind.
Per quanto riguarda il problema di TELNET EWAN, sembra che questo emulatore telnet non invii, come chiusura di messaggio, CR/LF ma solo CR. Per continuare ad usare tale programma, si deve digitare, ad ogni "volta pagina", il comando "$PAGE;".
Se avete una piattaforma Windows (WFW 3.11 o superiore), consigliamo di usare il programma TELNET.EXE della directory di Windows, funziona perfettamente.

Nuove modalità di connessione via internet al Ced della Corte Suprema di Cassazione.
È consigliato l’utilizzo dell’emulazione telnet agli indirizzi diretti:
193.43.143.70 (echo on);
193.43.143.21 (echo off);
193.43.143.20 (alla richiesta “Enter attach command” rispondere con ATT TIP)
Per l’accesso via Easyfind si conferma l’indirizzo: 193.43.143.70

WWW.GIUSTIZIA.IT
È attivo a partire dal 6 maggio scorso, il sito del Ministero di Grazia e Giustizia. Allo stesso fa capo il Ced della Corte Suprema di Cassazione.

Banche dati del sistema IONIO-Cineca
http://www.ianus.cineca.it/venus/ionio/
Il presidio ha stipulato un contratto di consultazione delle banche dati ESA-IRS (European Space Agency). A livello nazionale il Cineca è un distributore di tale agenzia europea la cui sede italiana è a Frascati.
Il presidio ha attivato un accesso che intende promuovere presso gli utenti per una valutazione degli sviluppi possibili.

Installazioni.
I primi ordini di apparecchiature per il presidio e l’aula didattica sono stati evasi e le installazioni sono a buon punto. È arrivata la nuova stampante laser HPlaserjet 5Si/Mx, collocata al secondo piano della sede.
Procedono anche le installazioni/aggiornamento dei Pc ordinati dal Dipartimento.

Ordini.
Gli ultimi impieghi finanziari riguardano due server di sede:
a) Digital Prioris PentiumPro 200MHz Dual processor, 256MB RAM, 20GB HD, DAT backup da 4GB, floppy e CD drive;
b) Digital Prioris PentiumPro 200MHz, 128 MB RAM, 11GB HD, DAT backup da 4GB, floppy e CD drive.
Entrambi saranno dotati di sistema operativo NT 4.0, Exchange ed SQL. Dovranno essere il cuore dei nuovi servizi per giurisprudenza.
Altre periferiche : a) due CD tower Pioneer (uno per l’aula didattica); b) un masterizzatore; c) uno Scanner HP 4C; d) un modem; d) alcune licenze Photoshop; e) una licenza Corel Draw 7.


SEGNALAZIONI

thank

Alberto Pizzoferrato
L'indirizzo della home page della Corte di Giustizia europea è: http://europa.eu.int/cj/it/index.htm
Il Bollettino delle sentenze e delle attività processuali recenti si trova all'indirizzo: http://europa.eu.int/cj/ it/act/index.htm

Labour_web: http://www.lex.unict.it/text/vetrina/labour/euro_l.htm
Evoluzione del diritto del lavoro, delle relazioni industriali e dello Stato sociale nell'Unione Europea.

Simonetta Vezzoso
Segnalo un sito (http://www.firstmonday.dk/issues/) dove si trovano, forse, degli spunti interessanti per un contributo nel "notiziario".

Ringraziamo per la collaborazione e riportiamo gli indirizzi alla voce più idonea sotto SERVIZI della home page di sede.


INDIRIZZI

Comitato locale

.

Tel.

E-mail

Presidente:
dott. Alberto Pizzoferrato
Rappresentante del Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza 1843 apizzofe@gelso.unitn.it
prof. Roberto Toniatti Preside della facoltà di Giurisprudenza 1806 toniatti@gelso.unitn.it
prof. Giovanni Pascuzzi Delegato del direttore del dip. di Scienze Giuridiche 1855 pascuzzi@gelso.unitn.it
dott. ssa Francesca Ruggieri Rappresentante del Consiglio del Dip. di Scienze Giuridiche 1832 fruggier@gelso.unitn.it
dott. ing. Giuseppe Chiasera Responsabile tecnico del Presidio 1849 chiasera@gelso.unitn.it


Personale del presidio

.

Tel.

E-mail

dott. ing. Giuseppe Chiasera Responsabile tecnico 1849 chiasera@gelso.unitn.it
p.i. Albert Tyszkiewicz Assistente di elaborazione dati 1850 albert@gelso.unitn.it
dott.ssa Erica Franzoi Consulente a contratto 1873 efranzoi@gelso.unitn.it


SOMMARIO

Titolo

Autore

Frontespizio .
Nuovo presidente comitato presidio Giuseppe Chiasera
Opportunità attivate dal presidio Alberto Pizzoferrato
Infotrac: banca dati con interfaccia WWW Giuseppe Chiasera
Costruiamo la nostra home page II° Giuseppe Chiasera
Banche dati disponibili in rete Alberto Pizzoferrato
Giurisprudenza in Internet III°. JUS la scelta Giuseppe Chiasera
Indagine preliminare VDT Giuseppe Chiasera
Attività. Segnalazioni Giuseppe Chiasera
Indirizzi .
Sommario .